USSI Sicilia: celebrata a Trecastagni la cerimonia di consegna dei premi USSI Estate 2021

Celebrata a Trecastagni la cerimonia di consegna dei premi USSI Estate 2021. Presente il presidente nazionale dell’USSI Gianfranco Coppola. Fra i premiati Filippo Di Mulo, artefice dell’oro olimpico nella staffetta oltre a vari protagonisti siciliani reduci da imprese significative

Una serata di sport nelle testimonianze dei suoi protagonisti migliori. Si è celebrata a Trecastagni l’edizione 2021 dei premi USSI Estate. La cerimonia di consegna dei riconoscimenti assegnati dai giornalisti agli sportivi siciliani che si sono distinti nell’ultima stagione. La serata si è tenuta nella condivisione del dolore della comunità colpita dal lutto per la scomparsa di Vanessa Zappalà. Non ci sono stati momenti di spettacolo e il giornalista e conduttore Nino Randazzo, consigliere nazionale USSI, per ricordare Vanessa, ha aperto la serata con un breve monologo contro la violenza sulle donne. Randazzo è stato accompagnato nella conduzione dalla giornalista Sabina Rossi. Alla serata ha partecipato il presidente dell’Unione stampa sportiva italiana Gianfranco Coppola che nel pomerigg io di lunedì ha incontrato i colleghi nel corso del consiglio regionale allargato alla presenza dei s oci. “Che cosa ci ha fatto gioire a squarciagola negli ultimi mesi? I racconti dello sport – ha esordito il presidente nazionale dell’USSI -. La massima ambizione in questo momento è tornare a frequentare gli stadi, i palazzetti e campi di gara. La Sicilia è terra di giornalismo e luogo di nascita di giornalisti illustri nel campo della cronaca e dello sport”. Il premio Ussi Estate nasce da un’idea di Roberto Gueli, vicedirettore della Tgr Rai e consigliere nazionale USSI: “L’idea è stata di tutta l’USSI Sicilia – ha spiegato Gueli – per realizzare una sorta di primo tempo dei premi per coloro che si sono distinti nella prima fase della stagione e in attesa dei premi regionali di dicembre, giunti alla 62edizione”. L’organizzazione è stata di USSI Sicilia, guidata da Gaetano Rizzo e ASD Sicilpool del presidente Pippo Leone, con la collaborazione del Comune di Trecastagni, con in testa il sindaco Giuseppe Messina e dell’Assessorato regionale Turismo Sport e Spettacolo, retto da Manlio Messina. Proprio Rizzo e Leone hanno dato il via alle premiazioni con un saluto degli organizzatori. “Siamo grati a Trecastagni e all’Amministrazione – ha detto Rizzo – che ha ospitato l’evento accogliendo al meglio noi giornalisti sportivi”. “Il premio USSI mancava fra i vari eventi che ho avuto il piacere di organizzare nella mia carriera – ha spiegato Leone -. L’ho fortemente voluto e suggella un rapporto importante con il mondo del giornalismo sportivo”. Presenti alla cerimonia anche l’assessore allo Sport del Comune di Catania Sergio Parisi, il consigliere nazionale del Coni Orazio Arancio, il segretario regionale dell’Assostampa Roberto Ginex e il presidente Alberto Cicero. “Quella appena trascorsa è stata una settimana difficile – ha dichiarato il sindaco di Trecastagni Giuseppe Messina – per il lutto che ha colpito tutta la comunità. Con questo premio abbiamo voluto segnare una simbolica ripartenza. Il fatto che i giornalisti abbiano scelto questa sede, ci onora”. “Sono stati due mesi di lavoro intenso – ha ribadito l’assessore comunale allo Sport Gianfranco Calogero – ma questa serata ha gratificato tutti gli sforzi organizzativi compiuti per cui ringrazio l’USSI, la Sicilpool e l’assessorato regionale allo Sport”. I premi, opere in preziosa ceramica, sono stati realizzati da Roberta Lembo.

La consegna dei premi Il momento più atteso era sicuramente quello in cui è salito sul palco Filippo Di Mulo, responsabile del settore velocità della nazionale italiana di atletica e tecnico del Cus Catania, artefice primario dell’oro colto dalla staffetta italiana ai Giochi di Tokyo, la più grande impresa della storia sportiva italiana, introdotto dalle immagini della gara che sarà ricordata per sempre. “Rivedere la staffetta in mezzo a voi, di fronte a un pubblico – ha esordito Di Mulo – è stata un’emozione incredibile, l’ennesima di un’estate esaltante. Grazie all’USSI e all’organizzazione. Ho realizzato un sogno coronando il momento più importante della mia carriera”. Di Mulo ha poi spiegato perché Jacobs non è stato schierato in ultima frazione: “La staffetta è un gioco di squadra, ogni atleta ha le sue caratteristiche e va impiegato nella posizione giusta. La seconda frazione è quella in cui si percorrono più metri, per questo motivo dunque Jacobs, il migliore del mondo in questo momento, ha corso in seconda”. Per Di Mulo anche un video con i complimenti recapitati direttamente dal generale Enzo Parrinello, comandante del GS Fiamme Gialle e vicepresidente vicario della Fidal. Fra i tecnici, premiati anche Gaspare Cacciola e Alessandro Settineri che, nel calcio, hanno riportato in D Giarre e Sancataldese. A proposito di calcio, giusto riconoscimento, nella categoria giornalisti e tv per Angelo Scaltriti, che da ben 15 anni cura in maniera impeccabile la comunicazione del Calcio Catania e che sul palco ha ricordato la collega Stefania Sberna. Restiamo in tema calcistico per la premiazione, nella categoria “Sport e Cultura” di Aldo e Jose Mantineo, capaci di ricostruire in un libro un avvincente spaccato storico del calcio aretuseo. Nella sezione sport e tv è stato poi il turno della bravissima regista Edy Saija Dodson, impegnata nel rendere speciali le dirette di svariate discipline sportive. Si è passati poi alla categoria “Arbitri”. Riconoscimento per Cristina Anastasi, nuovo presidente del comitato regionale. È la prima donna al vertice degli arbitri siciliani. L’altro premiato della categoria, è stato l’assistente Francesco Cortese, da 5 anni impegnato in serie C. Un momento di commozione è stato vissuto con il premio alla memoria per il giovane arbitro di basket, Enrico Murabito, ricordato sul palco dai familiari. In un momento storico come questo, assume ancora più rilievo il premio per Beppe Virzì, medico dello sport che ha il merito di avere contribuito a creare il primo Centro di vaccinazione anticovid per atleti in Sicilia. Nella categoria dirigenti, spicca la premiazione di Pippo Leone, da 40 anni importante riferimento nell’organizzazione di eventi dello sport italiano, sia a livello nazionale che internazionale. È, poi, venuto il momento delle squadre: l’Ekipe Orizzonte Catania capace di vincere scudetto (il ventunesimo della sua storia), Coppa Italia, campionato Under 20 e Under 18; la Nuoto Catania per la promozione in A1 maschile. Altre imprese sportive che hanno meritato il premio: quelle del Catania Beach Soccer, capace di collezionare successi in serie negli ultimi anni, e della Meta Catania Calcio a 5, vicecampione d’Italia nel 2021. Il premio alla carriera è andato invece a Turi Cavallaro, nel mondo dal calcio da 50 anni. Riconoscimenti per Elisa Amaro, Margherita Emiliano, Giovanni Lombardo, Samuele Catalano, alcamesi protagonisti dello sport e per il preparatore atletico Piero Campo, non presente, come Francesco Cortese, per motivi di lavoro. Lo sport per il sociale. Il Premio Fair Play Nuccio Schilirò è stato conferito ai Briganti Onlus. “Le intimidazioni – si legge nella motivazione – non hanno intaccato i profondi ideali che spingono l’associazione “I Briganti di Librino”. Riconoscimento anche a Carmine Berlinghieri, presidente della Real Itala “Franco Zagami”, fulgido esempio di solidarietà. Per il poliedrico impegno nel sociale è stata premiata anche la Nissa Rugby. A proposito di rugby, altro momento di reale commozione è stato il conferimento del premio USSI Estate alla memoria per Ezio Vittorio, ex tecnico dell’Amatori Catania ricordato dal ds della squadra Pippo Puglisi. Nella categoria Sport e Cultura è stato premiato Santino Ruggera, fondatore del Museo del Calcio a Santa Marina Salina che ha portato sul palco veri e propri cimeli appartenuti a Paolo Rossi, Diego Armando Maradona e Gaetano Scirea. E proprio sull’isola di Salina si svolgerà la prossima edizione nel 2022.