Premio Niedringhaus al coraggio delle fotoreporter

C’è tempo fino al 14 giugno per inviare o segnalare una candidatura al Premio Anja Niedringhaus Courage che celebra il coraggioso lavoro delle fotoreporter che attraverso il lavoro giornalistico visivo ci ispirano ad agire e ci obbligano a comprendere meglio il mondo. Questo lavoro coraggioso si manifesta in molte forme diverse che possono includere, ma non limitarsi, a conflitti o eventi in prima linea.

Anja Niedringhaus

Ideato dall’International Women’s Media Fountation, nel 2014 con una donazione di 1 milione di dollari della Howard G. Buffett Foundation, per onorare la vita e il lavoro della fotografa tedesca dell’Associated Press vincitrice dei premi Pulitzer e Courage in Journalism Award, Anja Niedringhaus, il premio viene assegnato ogni anno a una donna fotoreporter il cui lavoro riflette il coraggio e la dedizione di Anja. Alla vincitrice andrà un premio in denaro di 20mila dollari e il suo lavoro sarà oggetto di una mostra a Washington.
Anja Niedringhaus è stata uccisa, a 48 anni, il 4 aprile 2014, in un attentato alla vigilia delle elezioni presidenziali in Afghanistan. Con lei c’era la collega canadese Kathy Gannon dell’Associated Press, rimasta ferita. Sue le foto simbolo della strage di Nassirya nella quale, il 12 novembre 2003, persero la vita 19 italiani.

Una delle foto simbolo della strade di Nassirya del 2003 scattata da Anja Niedringhaus

L’approccio di Anja Niedringhaus al fotogiornalismo è stata lei stessa a definirlo: «Faccio il mio lavoro semplicemente per riportare il coraggio delle persone con la mia macchina fotografica e con il mio cuore».
L’Iwmf accetterà domande e candidature in inglese, francese o spagnolo relative a donne fotoreporter a tempo pieno di qualsiasi nazionalità. Non hanno importanza la durata del lavoro o l’impegno in aree di conflitto, né il livello di esperienza. Basta una storia da raccontare, la dedizione al lavoro nel giornalismo e la passione per i suoi contenuti.

FONTE: giornalistitalia.it