FESTA GLGS: PREMI 2019-2020 A “CAMPIONI” DI SPORT E GIORNALISMO

Milano 12 ottobre – Sono passati 20 mesi dal febbraio 2020, i Premi annuali del Gruppo Lombardo Giornalisti Sportivi riprendono da lì. Da quel giorno in cui il mondo è stato costretto a fermarsi per la pandemia. E oggi, nella cornice della Sala Gaber del Pirellone a Milano, l’evento è tornato per la consegna dei Premi GLGS-USSI Lombardia per il 2019 e il 2020.

Molte le personalità del mondo sportivo e del giornalismo – primo fra tutti il Presidente del CONI, Giovanni Malagò – e tantissimi i vincitori. Sorrisi e battute tra i partecipanti – nonché dei due conduttori Gabriella Mancini e Filippo Grassia – hanno scandito le fasi delle premiazioni, senza rinunciare a momenti di riflessione sulle problematiche dello sport e del mondo dell’informazione. Riflessioni che hanno avuto per protagonisti, tra i  molti, i presidenti dell’USSI, Gianfranco Coppola, del GLGS, Gabriele Tacchini,  Aldo Cazzullo e diversi altri fra i giornalisti premiati.

Non si poteva non parlare delle Olimpiadi di Tokyo, dove l’Italia è stata protagonista in particolar modo nell’atletica con Jacobs,  la staffetta, Tamberi e molto altro. Giovanni Malalgò sulle 109 medaglie conquistate dall’Italia in Giappone ha sottolineato: “Non mi posso prendere ciò che non è totalmente nostro, perché una buona parte delle medaglie sono di Luca Pancalli e, quindi, del Comitato Paralimpico”. Malagò era tra i premiati della “Squadra dell’Anno” 2019, cioè il comitato che ottenne la designazione di Milano-Cortina per le Olimpiadi Invernali 2026. Con il CONI sono stati premiati la Regione Lombardia – presente il Presidente, Attilio Fontana – la Regione Veneto e i Comuni di Milano e Cortina d’Ampezzo.

Quasi commosso Dino Meneghin, che ha ritirato il Premio alla Carriera. “E’ un onore essere qui – ha affermato Meneghin – ed essere premiato dai giornalisti, che ho sempre considerato una colonna portante dello sport. Sono grato a quelli del basket e ringrazio l’Olimpia Milano perché mi ha concesso di vivere una seconda vita”.

Grande l’orgoglio di Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta, nominato Personaggio dell’Anno 2019 per le imprese della sua squadra. “Questo premio è di tutti, dei giocatori, dei dirigenti, dei dipendenti”, ha esordito il numero uno dei bergamaschi. “Vedere l’Atalanta per tre anni di fila in Champions League – ha aggiunto – è qualcosa di straordinario. Continueremo ad investire per una società di provincia come la nostra”. Infine, Percassi ha chiuso con una battuta tra il serio e il faceto: “Gasperini? Eh, non è facile lavorare con lui. Ma ormai lo abbiamo capito, lo lasciamo sfogare e poi il giorno dopo torna tutto come prima. I suoi sfoghi sono una scossa per i giocatori”.

Per il 2021 non ci sono stati i Premi tradizionali dedicati ai grandi giornalisti scomparsi. Per l’anno 2020 sono stati assegnati 3 premi speciali GLGS-USSI: a uno sportivo, Davide Cassani, a un giornalista, Ivan Zazzaroni, e a un fotografo, il bresciano Filippo Venezia. Tutti e tre per essersi battuti ciascuno nel suo campo per la piena ripresa dello sport nell’anno terribile della pandemia.

Eleonora Anna Giorgi, primatista europea e bronzo mondiale nella 50 km di marcia lo scorso anno, è stata premiata come Atleta dell’Anno 2019: assente per impegni di terapie sportive, Eleonora ha mandato un simpatico videomessaggio di saluto. I Premi alle Realtà Sportive Lombarde per il 2019 sono andati al giovanissimo supercampione di nuoto paralimpico Simone Barlaam, al “Progetto Sport Therapy” del Centro Maria Letizia Verga di Monza, e all’ Atletica Brescia 1950, gloriosa società che ha festeggiato i suoi 70 anni di vita con tre titoli italiani consecutivi dal 2019 al 2021.

Tra i Premi giornalistici, quello intitolato a Gianni Brera è andato ad Aldo Cazzullo, inviato speciale ed editorialista del Corriere della Sera, saggista e romanziere, attento anche allo sport e al suo mondo avendo seguito cinque Olimpiadi e cinque Mondiali di Calcio.

Questi gli altri riconoscimenti giornalistici per il 2019: Premio Palumbo a Pier Bergonzi (vicedirettore de La Gazzetta dello Sport – direttore di Sportweek) – Premio Zanetti a Paolo Pacchioni (capo redattore Radio RTL 102.5) – Premio Cannavò ad Alessia Tarquinio (Prime Video, ex Sky Sport) – Premio Lionello Bianchi a Erika Bariselli (Il Giornale di Brescia) –  Premio Edoardo Mangiarotti ad Antonio Vitiello (Milannews.it) –  Premio Silvano Maggi al fotoreporter Silvano Rodella.

Durante la festa sono stati anche premiati i vincitori del concorso fotografico “Momenti di Sport 2019”. Primo premio alla foto “La fatica e la delusione”, scatto del decano dei fotografi di ciclismo Roberto Bettini. E’ stata inoltre lanciata l’edizione 2021 del Premio fotografico.

 

NELLA FOTO D’APERTURA:  da sinistra, la giornalista conduttrice Gabriella Mancini, il Presidente del GLGS Gabriele Tacchini, i Presidenti dell’USSI, Gianfranco Coppola, e del CONI, Giovanni Malagò, il giornalista conduttore Filippo Grassia, il Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e il Vicesindaco di Cortina d’Ampezzo, Luigi Alverà.