I LIBRI VINCITORI DEL 57° PREMIO SELEZIONE BANCARELLA SPORT 2020

  • Lo sport giocato si è fermato da tempo. Il Covid-19 ha relegato ai box i bolidi a due e quattro ruote, ha appeso le maglie negli spogliatoi, ha rimesso le racchette e le mazze nelle loro sacche, le cuffie e i guantoni nei borsoni, le attrezzature nelle palestre e gli scarpini negli armadietti ma, non si può dire che sia riuscito a fare lo stesso con lo sport da scrivere o da leggere. Anzi. Quale occasione migliore di questi tempi, per sfogliare un buon libro. E così, mentre tutto questo accadeva i membri della Commissione di Scelta del 57° Premio Bancarella Sport hanno avuto più tempo del solito, per analizzare i volumi ricevuti dalle Case Editrici partecipanti all’edizione 2020.

Ne sono usciti sei finalisti come al solito variegati. La Commissione di scelta, composta dal Presidente Paolo Francia, da Massimo Arcidiacono, Giuseppe Benelli, Giovanni Bruno, Danilo Di Tommaso, Luigi Ferraiolo, Ignazio Landi, Roberto Lazzarelli, Paolo Liguori, Angelo Panassi, Giacomo Santini, Giovanni Tarantola, Ivan Zazzaroni, riunitasi “a distanza”, ha saputo esprimere particolare apprezzamento per i seguenti libri, decretando

Vincitori del Premio Selezione Bancarella Sport 2020

GIOANNBRERAFUCARLO. GIANNI BRERA, SECONDO ME, scritto da Andrea Maietti, edito da Bolis Edizioni;
IL TENNIS L’HA INVENTATO IL DIAVOLO, scritto da Adriano Panatta con Daniele Azzolini, edito da Sperling & Kupfer;
LA PARTITA, scritto da Piero Trellini, edito da Mondadori;
NON PETTINAVAMO MICA LE BAMBOLE. LE MERAVIGLIOSE STORIE DELLE RAGAZZE DELLA NAZIONALE, scritto da Alessandro Alciato, edito da Baldini+Castoldi;
RICKY ALBERTOSI. ROMANZO POPOLARE DI UN PORTIERE, scritto da Collettivo Soriano, a cura di Massimiliano Castellani, edito da Urbone Publishing;
VOLEVO SOLO NUOTARE (200.000 BRACCIATE CON RACHELE BRUNI), scritto da Luca Farinotti, edito da Artingenio.

I prescelti passeranno ora alla fase finale e verranno inviati ai componenti la “Grande Giuria”. I voti dei librai indipendenti appartenenti alle due Associazioni organizzatrici i Premi Bancarella, sommati a quelli degli elettori designati dal Panathlon Distretto Italia e delle consuete personalità del mondo sportivo e del giornalismo, perverranno tramite scheda elettronica segreta, al Notaio del Premio, Dottoressa Sara Rivieri che decreterà in seduta pubblica il Vincitore assoluto.

Nella stessa giornata verrà consegnato anche il premio alla carriera giornalistica, “Bruno Raschi” a Beppe Conti.

                                                                             Il coordinatore del Premio  

                                                                                   Ignazio Landi

Il PREMIO “BRUNO RASCHI”

Il premio Bruno Raschi” istituito in ricordo ed omaggio a “il Divino”, viene assegnato ogni anno, dal 2005, ad un giornalista che nella sua carriera abbia segnato, innovato, riletto, il modo di fare cronaca sportiva.

Beppe Conti, torinese di nascita, è stato ed è firma di riferimento del ciclismo.

Per i suoi trascorsi di giornalista della Gazzetta dello Sport e Tuttosport e la sua passione per il ciclismo, viene annoverato fra i più esperti e graditi cantastorie, delle faticose e mirabolanti imprese sulle due ruote.

Ha partecipato in qualità di opinionista alle trasmissioni televisive sul Giro d’Italia e il Tour de France.

Ha scritto numerosi libri di ciclismo:

La vita segreta di Moser (1984)
I miei campioni (2000)
Cento campioni del Novecento (2002)
Ciclismo, storie segrete (2003)
C’era una volta la pista (2003)
Petrucci grandi imprese (2003)
Storia e leggenda del grande ciclismo (2005)
Ciclismo. Gloria e tragedie (2006)
Da Merckx a Pantani. Davide Boifava racconta i suoi campioni (2007)
Il Giro e l’Italia, una storia d’amore (2007)
Cento storie del Giro 1909-2009. Imprese, retroscena, drammi, segreti della leggendaria corsa che celebra un secolo di straordinarie sfide sulle strade d’Italia (2008)
Il tour d’Italia. Avventure, storie e leggende del giro di Francia sulle nostre strade (2008)
Le donne dei campioni. Le grandi storie d’amore degli assi del ciclismo, gli scandali, i drammi (2008)
Fausto Coppi. Il romanzo di una vita, trionfi e lacrime (2009)
Ciclismo, inganni e tradimenti (2010)
Una grande annata – Storie di vino e di sport (2010)
Torino, città del ciclismo (2011)
Moser Saronni – Duello infinito (2013)
La Grande Storia del Ciclismo. Dai pionieri di fine ottocento a oggi, fra imprese, rivalità e retroscena (2016)

Bruno Raschi fu ospite fisso della trasmissione televisiva il “Processo alla tappa” di Sergio Zavoli.  

Dopo quasi mezzo secolo di giornalismo, non vi è dubbio che Beppe Conti possa essere annoverato fra i giornalisti meritevoli di questo riconoscimento, succedendo proprio a Zavoli, Pizzul, Ormezzano, Minà, De Luca, solo per citarne qualcuno. Lo stesso Beppe Conti nel 2013, cura la ristampa di “Ronda di notte – Storie personaggi e fiabe del Giro e del Tour, importante antologia su Bruno Raschi.