E’ morto il collega della Nazione Giampiero Masieri: il professore

Da: la nazione

Firenze, 20 luglio 2019 – Oggi è un giorno triste per la grande famiglia della Nazione. Venerdì sera è morto a Firenze Giampiero Masieri, storica firma del nostro giornale. Avrebbe compiuto 85 anni fra un mese.

Inviato, grande firma dello sport, dal 2007 nella Hall of fame della Fiorentina, iscritto all’Ordine dei giornalisti da 57 anni, Masieri era stato nella spettacolare redazione sportiva composta da Raffaello Paloscia, Carlino Mantovani, Giorgio Moretti e Sandro Picchi. E un po’ di invidia suscitava nei colleghi più giovani perché Giampiero (“Il professore”, come lo chiamavamo in redazione, per la sua scrupolosa attitudine al lavoro) aveva potuto raccontare il secondo scudetto viola nel 1968-’69.

L’Associazione stampa Toscana lo ricorda con le parole del presidente Sandro Bennucci. “Cresciuto alla scuola di Giordano Goggioli, venne assunto proprio nei giorni dell’alluvione del 1966» dall’allora direttore Enrico Mattei che lo inviò subito al seguito della Fiorentina in un paio di trasferte. Mattei – prosegue il ricordo – appena rientrato da una faticosa camminata nel fango fiorentino, gli disse: ‘Vai e buona fortuna: Beato te che almeno potrai fare una doccia…’. L’Ast ricorda l’eccezionale capacità di scrittura di Masieri che andava oltre l’evento sportivo e riusciva a fare spesso dei suoi articoli, dei veri pezzi di costume”.

“Profondo cordoglio” e “vicinanza” ai familiari e agli amici del giornalista Giampiero Masieri, scomparso nella notte a Firenze, è quanto esprime il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Eugenio Giani. “Ci lascia – aggiunge Giani – una storica firma de La Nazione, grande raccontatore della Fiorentina e fine interprete della lingua italiana. Per la sua grande attenzione alla forma degli articoli, veniva infatti chiamato ‘il professore’ dai colleghi” commenta Giani che si unisce al lutto di quanti lo conoscevano. Il presidente ricorda la “straordinaria professionalità. E’ stato un grande interprete della sua professione ma era anche uomo di estrema umanità. Mi ha onorato di una grande amicizia”, dichiara il presidente del Consiglio regionale.

Anche la Fiorentina piange la scomparsa di Masieri. “Firma storica, persona speciale, appassionato narratore delle gesta della Fiorentina. Masieri, dalle pagine della Nazione, ha saputo descrivere alcune delle pagine più belle della storia viola e dello sport. Un grande e commosso abbraccio a tutti i familiari da parte di tutta la squadra viola, lo staff, i dirigenti e la presidenza: ci ha lasciato un uomo di grande classe e un maestro della vecchia scuola”: così la società viola sul sito ufficiale della società.

Dalla nostra redazione condoglianze ai figli Gaia e Vanni. Il funerale si terrà lunedì 22 luglio alle 8,30 nella chiesa dei Santi Fiorentini in via Centostelle.

Ciao Prof. Ci mancherai.