Concluso Cultura e Sport, il futuro è già qui

 Nella foto: Michele Maffei mentre mostra alcuni colpi di scherma

Da Cagliari, Milano e Roma è partito un messaggio chiaro: insieme per costruire una società meno conflittuale e più partecipativa

ROMA – Un’idea affascinante e nello stesso tempo intrigante. Da un lato la scuola, dall’altro lo sport: mondi spesso in contrasto tra loro. Lo scopo è quello di metterli in contatto e condividere un percorso comune per arrivare al traguardo di una società partecipata.

Che cosa significa? Significa darsi da fare e non aspettare che altri condizionino la nostra vita: significa essere noi stessi protagonisti e artefici del nostro destino. Abbiamo due obiettivi: il primo è coinvolgere le associazioni culturali, quelle di promozione sociale, i professionisti e gli artigiani, le istituzioni e le scuole; il secondoè più trasversale: artisti e giornalisti, strutture ricettive e persino gli istituti di cultura italiana all’estero. Il progetto di Enza Beltrone, adattato a carattere nazionale con Ferdinando Maria Aruffo, ha riscosso consensi.

GLI SPORT – In questa prima edizione sono state proposte quattro discipline: atletica (800 metri), scherma, sitting volley, tennis tavolo. Le rispettive federazioni hanno accettato con entusiasmo e hanno messo a disposizione atleti e tecnici i quali diventano, per un giorno, docenti e formatori. Il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) ha aderito al volo al progetto, perché uno degli obiettivi della proposta educativa è una società senza barriere.

A Milano per l’atletica leggera Valentina Trapletti ha dato lezione di marcia affiancando anche i ragazzi nell’esercizio fisico.

La scherma è stata seguita a Quartu Sant’Elena (Cagliari) da Maurizio Fuccaro; a Milano da Cristiano Magnani; a Roma dall’olimpionico e presidente AMOVAMichele Maffei.

Avvincenti lezioni di sitting volley sono state proposte da Paolo Ligas (Quartu); Nadia Bala e Massimo Paolo Gamba (Milano); Fabio Marsiliani e Alessandra Vitale (Roma).

Il tennistavolo è stato proposto da Simone Carrucciu (Quartu); da Davide Liberatori e Roberto Montaperto (Roma).

I LABORATORI A Quartu Sant’Elena ci sono state due Gallerie d’Arte: una con l’associazione “La Rosa Roja (che ha animato anche il laboratorio di Danza) l’altra con Walter Rebel; poi il video-giornalismo con Sergio Cadeddu e Marco Uselli; illaboratorio Avatar con Nicola Zucca.

A Milano Francesco Ehrenheim e Pietro Campanella hanno presentato un Panel Digital & Innovation.

A Roma due attività: la Fotografia con Leonardo Perri; il Teatro con Tonino Tosto.

ADICONSUM – E’ sembrato doveroso e opportuno accogliere la richiesta dell’Associazione Difesa Consumatori e Ambiente, impegnata a diffondere l’interessante progetto “Non fare della tua vita un gioco”. E’ una campagna informativa tesa a spiegare quali e quanti danni faccia la ludopatia, ovvero la dipendenza del gioco d’azzardo. A Quartu San’Elena c’è stato un flash mob; a Milano uno stand con presentazione dell’iniziativa; a Roma esperienza diretta con un percorso ludo-didattico.

GRAZIEUn particolare ringraziamento a coloro che hanno tenuto a battesimo “Cultura & Sport”. Al dirigente scolastico Vincenzo Pisano e ai professori della scuola media Porcu-Satta a Quartu Sant’Elena (Cagliari); agli organizzatori di “Expo per lo Sport all’Arena Civica di Milano; ai direttori e collaboratori del Centro di  Preparazione Olimpica Giulio Onesti e della Scuola dello Sport del CONI all’Acqua Acetosa di Roma.

I PROMOTORI – Cultura & Sport è una iniziativa di AMOVA (Associazione Medaglie d’Oro al valor atletico) con CIP (Comitato Italiano Paralimpico), Scuola dello Sport del CONI, MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana).

PARTNER SPORTIVI – FIDAL (Federazione Italiana di Atletica Leggera); FIPAV (Federazione Italiana Pallavolo); FIS (Federazione Italiana Scherma); FITET (Federazione Italiana Tennistavolo).

ASSOCIAZIONI – Ali Nova che lavora per la partecipazione cittadina, l’inclusione e lo sviluppo sostenibile e solidale; La Rosa Roja che lotta contro ogni forma di discriminazione, per la promozione e la tutela dei diritti umani; Rete Fiore(Federazione Italiana Organismi e Reti Educative) che lavora per l’inclusione sociale e i diritti umani; YourDigital un network europeo di Digital Transformation Manageraziendale.