Contrastare la corruzione nello sport, il 19 aprile a Roma seminario CONI-Presidenza del Consiglio, MAECI e ANAC

corruzione1 crSi svolgerà a Roma il 19 Aprile 2018, con inizio alle ore 9.00, presso la Scuola di Perfezionamento delle Forze di Polizia (Piazza di Priscilla 6, Sala Conferenze) un seminario di alto livello sul tema della corruzione nello sport. L’iniziativa è frutto di una collaborazione fra Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), Presidenza del Consiglio – Ufficio per lo Sport, CONI e ANAC.

 

L’evento volto a promuovere pratiche di prevenzione e repressione della corruzione nel settore sportivo è conseguente all’approvazione della Risoluzione UNCAC 7/8 “Corruption in Sport”, adottata su proposta italiana.

Il sistema sportivo presenta una complessità di azione dovuta alla presenza di due ambiti differenti che devono essere “governati”:

 

  • Il primo è l’ambito “off-the-field” ovvero la governance interna delle organizzazioni che permettono al movimento sportivo di esprimersi e agli eventi e alle competizioni di svolgersi (con i temi del procurement, dei meccanismi elettivi e dei processi di event-bidding e di organizzazione degli eventi e delle sponsorizzazioni,)
  • Il secondo è l’ambito “on the field” ovvero connesso allo svolgimento dell’evento e alla performance sportiva ove molteplici possono essere le forme di manifestazione dell’illegalità: scommesse illegali, manipolazione delle gare, doping ecc. L’insieme di tali fattispecie criminose segnala l’esigenza di una visione più ampia del fenomeno corruttivo nel mondo dello sport che tenga conto anche dei legami con il crimine organizzato e con il riciclaggio e dell’impatto sull’integrità dei soggetti pubblici e privati.

 

I lavori sono suddivisi in tre tavole rotonde. La prima è dedicata al quadro internazionale in materia, con l’intervento di UNODC, OCSE, Consiglio d’Europa, UNESCO, CIO, Commissione europea, Parlamento europeo e Transparency International. La seconda affronterà lo scenario italiano e vedrà l’apporto delle Autorità nazionali preposte al contrasto dei fenomeni corruttivi in ambito sportivo. Un terzo focus è riservato agli standard d’integrità nel mondo italiano dello sport.

 

Il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, parteciperà ai lavori parlando degli indirizzi futuri legati al contesto italiano relativamente alla collaborazione tra Stato e sistema sportivo. Nel corso della seconda sessione è previsto anche l’intervento – tra gli altri – del Presidente di Nado Italia, Leonardo Gallitelli. Nel pomeriggio – la tavola rotonda con verterà su appalti, match-fixing e governance, sarà invece aperta dal Segretario Generale del CONI, Carlo Mornati, mentre sono annunciate anche le presenze – tra i qualificati relatori – del Vice Presidente, Alessandra Sensini e del Procuratore Generale dello Sport, Enrico Cataldi.