Consegnati i premi USSI-CONI. Il “Giorgio Tosatti” a Franco Arturi. Immagini disponibili su Photogallery

da: coni.it

Roma 4 Dicembre 2017 – Si è svolta questa mattina, nel Salone d’Onore del CONI, la consueta cerimonia annuale di premiazione dei Concorsi Letterari, Sportivi e Giornalistici CONI-USSI. Il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha fatto gli onori di casa, partecipando all’evento insieme ai Presidenti delle Giurie esaminatrici, Marino Bartoletti, per il 51° Concorso Letterario, Gianni Letta, per il 46° Racconto Sportivo e Luigi Ferrajolo dell’USSI, e a Ivana Tosatti, moglie dell’indimenticato Giorgio, cui è intitolato il Premio speciale “Una penna per lo sport” (foto Mezzelani-GMT). Tra i presenti – oltre al Segretario Generale del CONI, Roberto Fabbricini – anche il Vice Presidente Vicario del CONI e Presidente della Federgolf, Franco Chimenti.

La giornata è stata aperta dal saluto del Presidente Malagò. “Questi premi dovranno sempre di più rafforzati e confermati. Quello facciamo fuori dal nostro core business non lo fa nessuno al mondo, tutto questo lo fa il CONI, l’impegno con la scuola lo mette il CONI, la forza del territorio la fa il CONI, un’associazione benemerita come l’USSI c’è solo al CONI. Lo sport è sociale e lo sport è per tutti, ma gli altri comitati olimpici dicono: noi che ci entriamo? Recentemente abbiamo consegnato una borsa di studio intitolata a Ciro Esposito perché la mamma ha tentato di compensare il suo dolore con una fede mostruosa e ha detto: voglio ricordare la memoria mio figlio. Ed è stata istituita una borsa per un atleta che è stato protagonista di un gesto di fair play. La stessa cosa la vogliamo portare avanti anche per un’altra storia. Il CONI con i suoi problemi è unico al mondo e questa giornata rafforza questa identità. Spero che questa cerimonia possa essere fatta sempre meglio e invito chi verrà dopo di me a tenere sempre conto di questa complessità. Ognuno di noi qui è un portatore di questi messaggi”.

Il Presidente del Concorso Letterario, Martino Bartoletti, che ha raccolto il testimone di Walter Pedullà, ha invece introdotto la fase relativa alle premiazioni, sottolineando l’alto profilo dei testi esaminati: “So che Walter Pedullà era solito fare una sorta esegesi dei libri premiati, ma non lo farò per tre motivi: così rendiamo la cerimonia più snella, poi perché qualsiasi parola dicessi sarebbe pesantemente inadeguata rispetto a quelle usate in questi capolavori e terzo: farei un torto a quelli che non sono stati premiati. È sempre crudele fare una graduatoria ma è bellissimo leggere libri di sport che sono un valore e sono cultura. È giusto che questi libri premiati passino come racconti di storia e il racconto sportivo è un baluardo per la salvaguardia della cultura di questo Paese”.

Successivamente è stato il Presidente del Racconto Sportivo, Gianni Letta, a prendere la parola: “La giuria ha faticato meno quest’anno perché abbiamo ricevuto 62 racconti rispetto ai 102 dello scorso anno e quest’anno hanno partecipato soltanto tre autori under 18. La qualità è forse più alta, sono stati premiati due giornalisti professionisti, autori di due bellissime favole che parlano di sport e di altro. Servono a dare luce in un momento particolare società e a sottolineare la  funzione che può avere sport nella vita si una comunità. Dimostrano il valore sociale dello sport”.

Il Presidente dell’USSI, Luigi Ferrajolo, ha chiuso la sequenza degli interventi: “L’USSI ha un rapporto con il CONI che parte da lontano e siamo riconoscenti all’Ente per la considerazione che ci riserva. Siamo un’associazione benemerita che cerca di aiutare i colleghi della stampa sportiva. Abbiamo vissuto una epoca, io e la mia generazione, molto fertile: siamo stati privilegiati. L’USSI ha 70 anni, questo Concorso è storico – ne ha 67 – e proprio per questo abbiamo voluto fare una piccola provocazione, raddoppiando i premi agli under 35 perché ormai sono più i pensionati che i colleghi attivi. Ci si iscrive all’INPGI a 37 anni, ci sono 1398 disoccupati nella categoria e molti sono under 40. Bisogna aiutare i giovani a crescere e a trovare soluzioni che non li veda sottopagati”.

Nel corso della cerimonia è intervenuto anche il Presidente dell’AIPS, Gianni Merlo, che ha consegnato un riconoscimento al Presidente del CONI, Malagò, per omaggiare la tradizione del premio. “La nostra associazione ha 93 anni proprio oggi durante l’Esecutivo è stato deciso di istituire un grande premio giornalistico mondiale, spero ci siano che colleghi italiani”.

Un emozionato Franco Arturi, infine, ha voluto ringraziare la categoria per il prestigioso conferimento. “E’ un onore ricevere questo premio da parte di una giuria di colleghi di valore superiore a me. Ed è un grandissimo piacere perché questo premio è intitolato alla memoria di un maestro per tutti noi. Sono in età di premi alla carriera e questo è il più prestigioso. Noi abbiamo un paio di doveri da rispettare: uno professionale e uno morale, lo sport senza valori non ha senso e noi abbiamo il dovere di difendere questi valori per garantire il futuro di questa parte della società e della nostra stessa professione”.

Questo l’elenco completo dei vincitori.

LI CONCORSO LETTERARIO CONI
Sezione Narrativa
1° premio  Gigi Riva  L’ultimo rigore di Faruk –Sellerio
2° premio Fabio G. Poli – Eroi silenziosi -Minerva
Segnalazioni particolari
Luigi Bolognini – La squadra spezzata -66TH A2ND
Claudio Paglieri – Delitto e rovescio – Mondadori Piemme
Nestore Morosini – Quando ci divertivamo con il pallone e la formula 1  Grandi & Grandi

Sezione Saggistica
1° premio Gianni Minà – Il mio Alì – Rai Eri – Best Bur
2° premio Paolo Pizzo con Maurizio Nicita – La stoccata vincente-Sperling & Kupfer
Segnalazioni particolari Abdon Pamich e Roberto Roberti – La grande avventura dello sport  fiumano – Aracne
Giammarco Menga – Sportivamente D’Annunzio – Croce
Enrico Landoni -Gli atleti del Duce. La politica sportiva del fascismo 1919-1939 – Mimesis

Sezione Tecnica
1° premio Fabio Inka – Impacto Training – Mediterranee
2° premio Andrea Vivian – Allenamento respiratorio – Calzetti Mariucci
Segnalazioni particolari
Mauro G. Marchetti e Susanna Mazzeschi – Vincere dallo spogliatoio -Calzetti Mariucci
Antonio Bernard – 101 scalate su roccia – Mediterranee

LXVI  CONCORSO NAZIONALE PER IL RACCONTO SPORTIVO
1° Premio Stefano Ferrio “Numero 8, anno 1919”
2° Premio Nicola Muscas “Io ti amavo”

Premio CONI USSI 2017
Sezione “Under 35″
Matteo Pinci – La Repubblica
Emiliano Bernardini – Il Messaggero
Sezione “Stampa Scritta Cronaca e Tecnica”
Piero Guerrini – Tuttosport
Sezione “Stampa Scritta – Costume e Inchiesta”
Benny Casadei Lucchi – Il Giornale
Sezione “Desk – Stampa Scritta”
Giuliano Riva – Corriere dello Sport Stadio
Sezione ” Radio, Innovazioni Tecnologiche e/o Multimediale”
Marco Letizia – Il Corriere della Sera
Sezione “Televisione”
Lia Capizzi – Sky Sport
Sezione “Desk-Televisione”
Enrico Testa – RAI
Il Premio CONI “Una Penna per lo Sport – Giorgio Tosatti”
Franco Arturi